Macchina laser fibra di ultima generazione, magazzino automatico, automazione spinta e gestione software: ecco come una "soluzione globale" può aumentare produttività e competitivita' dei clienti.

[tratto dalla Rivista LAMIERA - Edizione Maggio 2014]

Il laser fibra FOL AJ di Amada installato presso la Agardi S.r.l. di Crema. Nel riquadro, un particolare di una lavorazione.La Agardi Srl di Crema è una realtà artigianale con oltre 35 anni di attività, specializzata nella lavorazione della lamiera, in particolare per il settore delle idropulitrici, dell'ascensoristica, della zootecnia, della meccanica generale, ecc. Il titolare, Danilo Agardi, spiega: «Noi realizziamo carpenteria medio-leggera lavorando prevalentemente lamiere con spessori compresi, in genere, tra 0,5 e 4 mm, ma soddisfiamo anche richieste per lavorazioni su spessori sino ai 15 mm. Offriamo un servizio completo, che va oltre le semplici operazioni di taglio e piegatura, in quanto supportiamo il cliente anche in fase di progettazione e industrializzazione dei prodotti, e forniamo pezzi realmente finiti, cioè verniciati e imballati». Questa specializzazione a 360° ha permesso all'impresa cremasca di essere competitiva e protagonista anche in questi anni di difficoltà in cui la crisi economica ha messo a dura prova molte aziende: «La nostra forza è sempre stata quella di voler soddisfare le esigenze del cliente con la massima professionalità, puntualità e flessibilità, offrendo un servizio quasi "personalizzato"». Oltre che per la professionalità e per la passione del personale, ciò è stato ed è possibile grazie alla "svolta Hi Tech" che la Agardi mise in atto poco più di tre anni fa, quando decise di investire in tecnologia di Amada, la multinazionale giapponese da sempre all'avanguardia nel campo dell' engineering, dei sistemi di azionamento e della tecnologia globale nel mondo della lamiera. Danilo Agardi racconta: «Per ampliare la gamma delle nostre lavorazioni e garantire ai nostri clienti flessibilità e velocità nell'esecuzione delle commesse, abbiamo "sondato" il mercato alla ricerca di una moderna macchina per il taglio laser in fibra. Proprio all'ultimo momento fummo convinti a recarci in Germania, nella sede di Hann di Amada, per visionare il Laser FOL-AJ con sorgente da 2 kw».


Per installare il magazzino automatico Amada CS 300 II è stato necessario “allungare” lo stabilimento di Crema della Agardi.Una filosofia "diversa"
La trasferta tedesca fu "galeotta": i responsabili della Agardi si "innamorarono" letteralmente di quella macchina, così veloce e precisa, ma nel contempo potente ed efficiente. Le prospettive erano allettanti: con Laser FOL-AJ sarebbe stato possibile aumentare la produttività nella fase di blanking, ridurre i costi di gestione e quelli di manutenzione, espandere il range applicativo del taglio su un più ampio spettro di spessori e di materiali. Inoltre, l'innovativa sorgente a fibra realizzata dalla stessa Amada prometteva un'efficienza sino a tre volte superiore rispetto alle macchine tradizionali, con consumi assai limitati. Simone Buscarini, Area Manager di Amada Italia Srl conferma: «Dopo la trasferta tedesca, in cui il potenziale cliente intuì che tipo di prodotto aveva per le mani, facemmo testare la macchina nella nostra sede di Pontenure (Piacenza), il che convinse definitivamente i responsabili tecnici della Agardi. Il Laser FOL-AJ era la macchina giusta». Danilo Agardi ne spiega i motivi: «Oltra alla scelta della sorgente a fibra, optammo per Amada perché la loro filosofia, il loro modo di "vedere l'officina" automatizzata e digitalizzata, rispondeva pienamente alle nostre esigenze». In effetti, Agardi scelse di abbinare al laser il magazzino automatico Amada CS 300 II con 80 ripiani, dalla capacità di 3 tonnellate ciascuno, che "dialoga" con le altre macchine dell'officina, in una sorta di "flusso continuo" della produzione senza presidio. Agardi: «Il magazzino CS permette lo stoccaggio delle lamiere, di semilavorati e prodotti finiti, in uno spazio ridotto. Carica e scarica il materiale con grande rapidità, precisione e affidabilità, il che garantisce l'abbattimento dei tempi morti e dei costi superflui». Si tratta di un vantaggio non da poco, se si considera che l'impresa lombarda lavora lamiere di spessori sottili, per cui il tempo ciclo di taglio laser è spesso molto breve e necessita di operazioni continue di carico e scarico dei materiali. «Il Laser FOL-AJ, riprende Buscarini, è una macchina molto veloce che, nel caso di Agardi, viene fatta lavorare 24 ore al giorno. Era dunque inevitabile associarle un magazzino automatico per sfruttarne appieno le potenzialità». Ma non è tutto: il Laser e il Magazzino, così come le altre macchine installate presso lo stabilimento di Crema (tra cui una pressa piegatrice Amada HD 100-3), vengono gestite e controllate attraverso un software gestionale interno che "supervisiona" l'intera produzione aziendale. Danilo Agardi entra nel dettaglio: «Il software interno permette di controllare i flussi di lavoro all'interno dello stabilimento. In sostanza, fa "comunicare" impianti e attrezzature in modo che l'intero lavoro sia coordinato e ottimizzato. Da questo punto di vista, occorre mettere in evidenza che le macchine Amada, evidentemente meglio predisposte di altre all'automazione e alla cosiddetta "gestione digitale della fabbrica", dialogano con il software in maniera "reattiva" e tutto ciò si traduce in efficienza, rapidità e flessibilità estrema».

Quanta soddisfazione!
Danilo Agardi, titolare della Agardi S.r.l. di Crema, assieme a Simone, Area Manager di Amada Italia S.r.l. (Pontenure, PC).Il Laser FOL-AJ e il Magazzino CS 300 II sono in funzione presso la Agardi dal settembre del 2012 e il titolare esprime la massima soddisfazione per i risultati raggiunti: «L'investimento è stato importante, ed è chiaro che le aspettative erano molto alte. Più che una macchina laser, infatti, noi volevamo una "soluzione tecnologica" che ci permettesse di produrre "just in time" e di accontentare i nostri clienti, i quali sono sempre più esigenti in termini di velocità d'esecuzione, velocità di risposte, qualità del lavoro. Dopo poco più di un anno e mezzo di utilizzo, possiamo dire di aver centrato tutti gli obiettivi». Non a caso, il laser fibra di Amada lavora in continuazione, 24 ore su 24, in maniera completamente autonoma, anche di notte, e permette di "cambiare produzione" a seconda delle urgenze, ottimizzando di fatto l'intera produzione aziendale senza la necessità di aggiustamenti o interventi umani, come invece avveniva in passato. «Le prestazioni spinte e la gestione automatizzata del Laser FOL-AJ, riprende Agardi, ci assicurano "risposte" rapidissime: in genere, riusciamo a consegnare la merce finita anche solo dopo 3-4 giorni dall'ordine. Inoltre, ci hanno consentito di aumentare il "parco" clienti, in quanto è stato possibile ampliare il tipo di materiali lavorabili. Oggi, per esempio, noi tagliamo lamiere in alluminio, rame, ottone, ecc., e quindi siamo in grado di ottenere un maggior numero di commesse. Oltretutto, avere Amada come unico referente per più tecnologie permette di contare su un servizio di assistenza efficiente e sempre disponibile, il che ci "preserva" da eventuali contrattempi o anomalie, e ci permette di lavorare con maggiore sicurezza e tranquillità. Insomma, abbiamo davvero fatto un notevole balzo in avanti e siamo sinceramente molto soddisfatti». Conclude Simone Buscarini: «Il caso della Agardi dimostra come Amada sia non un semplice fornitore di macchine, bensì un partner "globale". La sua capacità di padroneggiare tecnologie diverse, quali il taglio laser, la punzonatura, la piegatura, l'automazione, ecc., le consente di fornire "soluzioni concrete" e proposte a 360° con le quali i clienti possono realmente progredire».

 

News

La “Rivoluzione” del Laser Giapponese

Amada è un colosso mondiale all’avanguardia...

Un “Tour” tra Tradizione e Innovazione

Il Japan Tour dello scorso giugno si è svol...